Allergie ed Intolleranze Alimentari

una corretta alimentazione come cura delle allergie e delle intolleranze alimentari

L’allergia alimentare

L’allergia alimentare è la conseguenza della risposta del sistema immunitario nei confronti di particolari alimenti contenenti la sostanza che scatena la reazione allergica (allergene). E’ sufficiente anche un piccolissimo quantitativo di allergene per scatenare la risposta del sistema immunitario, che libera alcune sostanze, tra cui l’istamina, che sono responsabili della reazione allergica vera e propria.

Le allergie alimentari si manifestano in genere in età pediatrica e spesso regrediscono del tutto o parzialmente nel corso degli anni: si stima infatti che circa il 3 – 6 % dei bambini ne soffra, mentre la percentuale scende a meno dell’1% in età adulta.

Colpiscono di frequente la cute (orticaria, angioedema), l’apparato digerente (nausea, vomito, dolori gastrici, crampi addominali, colite, diarrea) e talvolta anche le vie respiratorie (rinocongiuntivite, asma), altre volte si avverte semplicemente prurito e formicolio al cavo orale o attorno alle labbra mentre si sta mangiando l’alimento incriminato: (“Sindrome orale – allergica”) sintomo più comune tra chi è allergico anche ai pollini. Ben più rari sono l’edema della glottide, il broncospasmo severo e lo shock anafilattico che richiedono un trattamento di emergenza in ospedale. Gli alimenti che causano più spesso allergia includono le proteine del latte o dell’uovo in età pediatrica e, negli adulti, i crostacei e la frutta secca

L’intolleranza alimentare

Per intolleranza alimentare si intende una reazione dell’organismo ad alcune molecole presenti negli alimenti. L’intolleranza alimentare insorge quando si conduce un’alimentazione monotona, ossia poco variata nelle scelte; in questo caso l’organismo inizia e “non tollerare” più certi cibi e si “difende” da essi dando luogo a sensazioni sgradite come gonfiori, nausea, mal di testa, fastidi generalizzati, difficoltà digestive, ecc… Questo tipo di intolleranza, a differenza dell’allergia, non è dose dipendente per cui regredisce se si elimina temporaneamente l’alimento dalle scelte alimentari. Tale alimento, gradualmente, si può reintrodurre nell’alimentazione senza che questo dia nuovamente fastidio. L’organo coinvolto in questo processo è in primo luogo l’intestino, che recepisce alcuni cibi come “tossici”, coinvolge il sistema immunitario e scatena delle reazioni infiammatorie.

L’intolleranza alimentare GENETICA

L’intolleranza alimentare GENETICA non coinvolge il sistema immunitario, ma è causata dalla scarsità o mancanza di alcuni enzimi: ciò rende difficoltosa la digestione delle sostanze nella cui digestione sono coinvolti gli enzimi carenti o assenti. Mentre bastano quantità piccolissime della sostanza per scatenare un’allergia, nelle intolleranze i sintomi compaiono solo dopo l’ingestione continuativa di sufficienti quantità dell’alimento indesiderato. Tra le più comuni intolleranze genetiche ci sono: lattosio, glutine, caffeina, sale, alcol, nichel e anche ferro.

“Come risolvo e curo i vostri problemi”

Scopri in cosa consiste il mio approccio lavorativo, come effettuo la consulenza e come affronto e trovo il piano alimentare idoneo alle vostre esigenze.

Convenzioni

Mary Nicastro Nutrizionista
31015 - Conegliano, Italia
P.IVA 04550010260
Tel : +39330664449
Email : dott.ssamarynicastro@gmail.com

Seguimi sui social